stoccafisso alla cittanovese

Cittanova è un paese nella provincia di Reggio Calabria che domina dall’alto la piana di Gioia Tauro. La specialità di questa zona è lo stocco che viene preparato in diversi modi. Importato dalla Norvegia, viene tenuto a bagno per diversi giorni nell’acqua proveniente dall’Aspromonte, che – secondo alcune fonti – sembra abbia la caratteristica di conferirgli un sapore più gustoso ed intenso.
Questa materia prima è così diffusa, da essere l’ingrediente principale di tantissimi piatti tipici calabresi e – in particolare – un ingrediente ricorrente nella cucina della zona di Gioia Tauro.
stoccafisso alla cittanovese
Non a caso, ogni anno ad Agosto – a Cittanova – si svolge la sagra dello stocco dove si possono gustare svariate preparazioni con diversi ingredienti. La ricetta che andremo ad esporre è alquanto insolita, perché è caratterizzata dal connubio di due ingredienti provenienti da due mondi diversi: il mare e la terra, ovvero lo stoccafisso e i fagioli borlotti.
La ricetta originale prevede che lo stocco venga tenuto a bagno per circa tre giorni, cambiando l’acqua tre quattro volte al giorno, ma il risultato sarà ottimo lo stesso comprando lo stocco già ammollato e opportunamente sciacquato.

Stocco alla cittanovese: lista degli ingredienti

Ingredienti per 4 persone
Stocco già ammollato 800 gr.
Pomodori secchi 300 gr.
Fagioli borlotti cotti 500 gr.
Acciughe dissalate 2
Aglio 2 spicchio
Cipolla 1 piccola
Peperoncino 1
Foglia di alloro 1
Sale, olio evo, vino bianco q.b.

Stocco alla cittanovese: preparazione

  1. Far rinvenire i pomodori secchi gettandoli per due minuti in acqua bollente, scolarli, asciugarli e tenerli da parte.
  2. Mettere in un tegame l’aglio, due bicchieri d’acqua, la foglia di alloro e quando bolle versarci lo stocco facendo bollire per circa 15 minuti.
  3. Scolarlo, farlo intiepidire, spellarlo e togliere le spine, almeno quelle più grandi.
  4. Ridurlo in pezzi  e lasciarlo da parte.
  5. In una padella soffriggere nell’olio evo aglio e cipolla tritati insieme, dopo pochi minuti unire le acciughe.
  6. Far rosolare, quindi tuffarci i pomodori secchi; sfumare con il vino bianco far insaporire per una decina di minuti; quindi aggiungere i fagioli ed il peperoncino.
  7. Coprire col coperchio e dopo circa cinque minuti tuffare lo stocco. Continuare fino a cottura ultimata del pesce. Servire caldo.
Stoccafisso alla Cittanovese

Post navigation


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *